8 dicembre 2016 ore 21.15

Roberto Anglisani

Giungla

di Roberto Anglisani e Maria Maglietta

musiche di Mirto Baliani

con Roberto Anglisani

regia di Maria Maglietta

E’ una sera d’autunno, piove, la stazione centrale di Milano è piena di pendolari che tornano a casa dal lavoro. In mezzo alla folla, come se fossero invisibili si muovono otto… dieci ragazzini stranieri di età diverse. Sono guidati da un uomo con un lungo cappotto, una finta pelliccia di tigre, è Sherekhan il trafficante di bambini.Mentre il gruppo si dirige verso l’uscita uno dei ragazzi scappa nei sotterranei della stazione, si chiama Muli e non vuole più essere costretto sotto la minaccia delle botte a rubare e a mendicare per Sherekhan.Con la fuga di Muli si apre questa nuova narrazione di Roberto Anglisani e Maria Maglietta, l’ispirazione parte dal “Libro della Giungla” di Kipling, ma la giungla questa volta è la grande stazione centrale, con i suoi anfratti, i sottopassaggi bui e umidi, dentro cui si muove una umanità con regole di convivenza diverse, dove la legge del più forte è un principio assoluto.Ma in questo contesto “selvaggio”, Muli riuscirà ad aiutare i suoi amici, e troverà amici veri che lo aiuteranno a fermare Sherekhan.I personaggi del racconto,si ispirano ai personaggi del “Libro della Giungla” : c’è Baloon, un barbone che vive nei sottopassaggi, Bagheera la pantera e Sherekhan la tigre.

Lo spettacolo vede in scena Roberto Anglisani che, come in altre sue narrazioni, riesce a creare con la forza della parola e del corpo, un racconto emozionante dove le immagini si snodano come in un film d’avventura.

“…adesso una folla di pendolari affollava il binario e fra la gente Muli vedeva i suoi compagni…spaventati…spersi…ma nessun altro sembrava vederli…tutti erano diretti verso la loro meta, ciechi, grigi…”

Share This