Un progetto di Scenica Frammenti con Fondazione Pontedera Teatro

copertina_lbretto_web1

 

www.collinarea.it

…Riprendiamo da dove avevamo lasciato nel 2013, ma in realtà è una storia molto più antica… Le persone, dicevamo, quale elemento fondamentale del nostro agire nel teatro e per il teatro. Perché non ci dimentichiamo che noi siamo eredi di un modo – o forse è meglio chiamarlo stile –  che apparteneva alle famiglie teatrali e collaboriamo da due anni alla realizzazione del Collinarea Festival con una realtà come Pontedera Teatro che quest’anno festeggia i suoi primi quarantanni di vita. Questo progetto è sostenuto da un grande valore umano.

In questa edizione, allora, alziamo ulteriormente l’attenzione su questo elemento e lo allarghiamo in modo definitivo anche agli artisti, in modo che il festival diventi una sorta di giostra delle anime, quelle che vivono e attraversano la scena per poi scenderne e continuare a mettersi in gioco, tra le gente che viene a vedere lo spettacolo e con gli artisti che condividono questo unico, grande palcoscenico che è Lari.

Abbiamo quindi pensato a due particolari sezioni che diano forza a questa poetica: Dinamica e Empatica (vi invito a leggere attentamente nel programma di cosa si tratta) e creato per la prima volta un ristorante a cielo aperto capace di accogliere il pubblico, il CollinArea Restaurant.

Poi, naturalmente, gli spettacoli. Collinarea 2014 è una grande scommessa, una di quelle che giochi perché sei davvero sicuro di vincere. Mai come quest’anno abbiamo investito così tanto nelle nuove realtà e anche i noti si metteranno in gioco con progetti inediti e particolari.

Il programma riserva non poche sorprese e la più grande la regalerà la serata finale con la grande festa di InArea, una messa in scenapensata esclusivamente per Lari e la sua bellezza.

Abbiamo messo un nuovo trucco sul nostro viso, ne abbiamo scelto uno che meglio si addice alla nostra anima: è un trucco che lascia il volto naturale e permette di vedere molto bene i dettagli;  non nascondiamo nemmeno le prime rughe…

Quella famiglia di scavalca montagne di cui parlavamo all’inizio e che ha dato vita a Scenica Frammenti, oggi sosta su questa splendida collina, si è trasformata, è un gruppo fatto di persone che non hanno lo stesso sangue ma vivono degli stessi ideali, guardando prima al buon risultato di un’idea per il teatro, poi al resto; soprattutto mettendo la condivisione e l’aspetto umano davanti a tutto. Dal 2012 si sono unite a noi le persone di Pontedera Teatro.

Tutte queste persone sono l’anima del festival, la giostra delle anime l’hanno costruita loro, e sarà molto semplice incontrarle per la strada e parlarci durante il Collinarea Festival, ma anche prima e dopo.

Loris Seghizzi

Share This